Le lenticchie di Castelluccio

Quando si parla di lenticchie in Umbria non si può fare a meno di ricordare quelle di Castelluccio (anche se ve ne sono altre specie, come quelle di Colfiorito)le più rinomate d'Italia, famose per la loro delicatezza, per le loro dimensioni (il loro diametro è di appena 2 mm), per la lunga conservabilità e per il metodo di coltivazione, completamente biologica per tradizione secolare.
Questi legumi sono il prodotto rappresentativo del paese e ben si comprendono e si apprezzano, quindi, gli immani sforzi dei produttori di Castelluccio, dopo il recente devastante terremoto che ha raso al suolo il loro paese, di continuarne la produzione andando a coltivare le lenticchie in condizioni estremamente difficili.
Peraltro la Piana di Castelluccio, dove si coltivano le lenticchie, situata a 1300 metri sul livello del mare in mezzo all'Appennino Centrale, oltre che fornire un prodotto d'eccellenza è anche una gioia per gli occhi. Al momento della fioritura delle lenticchie diviene, infatti, un tripudio di colori; vero spettacolo della natura che ha per sfondo i leggendari e misteriosi Monti Sibillini.
Ricche di fibre, sali minerali e vitamine, le lenticchie si prestano, insieme ad altri ingredienti, alla preparazione di zuppe gustosissime.
Vi forniamo qui di seguito una ricetta:
Ingredienti:
200 g di Lenticchie di Castelluccio di Norcia, 200 g di cotenne di maiale, 2 foglie di alloro, 1 costola di sedano, 1 spicchio di aglio, 1 cipolla, 1 carota, 1 peperoncino piccante, 300 g di pomodori pelati, olio extravergine di oliva umbro, sale.
Preparazione:
Sciacquare bene le lenticchie e farle cuocere in abbondante acqua per un’ora. Nel frattempo raschiare le cotenne e passarle sulla fiamma per eliminare l’eventuale peluria residua; strofinare con carta assorbente da cucina, lavarle e farle cuocere coperte di acqua profumata con 2 foglie di alloro per circa 40 minuti. Scolarle, farle intiepidire e tagliate a pezzetti. Mondare il sedano, lavarlo, asciugarlo e tritarlo piuttosto finemente insieme con l’aglio e la cipolla sbucciati e la carota, raschiata e lavata. In una casseruola far soffriggere questo trito aromatico in 4 cucchiai di olio. Unire il peperoncino rosso, schiacciandolo leggermente con una forchetta, e i pomodori spezzettati. Dopo circa 10 minuti aggiungere anche le cotenne e le lenticchie ben scolate, togliere il peperoncino, quindi bagnare il tutto con il brodo delle lenticchie filtrato. Aggiustare di sale, far cuocere per circa 20 minuti e servire.
Le lenticchie, inoltre, possono ben sposarsi con una altro prodotto tipico della zona: le salsicce:in particolare la salsiccia fresca di Norcia.Ecco allora un'altra gustosa ricetta.
Lenticchie di Castelluccio con salsicce
Ingredienti:
3 etti di lenticchie di Castelluccio, 5 salsicce di maiale di Norcia, 1 costa di sedano, 2 spicchi d'aglio, 1 bicchiere di passata di pomodoro, olio vergine d'oliva umbro, sale, peperoncino in polvere.
Preparazione
Lessare le lenticchie in acqua salata aggiungendo uno spicchio d'aglio e un pezzo di sedano; scolare al dente. A parte soffriggere nell'olio un pò di sedano a pezzettini e l'altro spicchio d'aglio. Unire le salsicce, farle rosolare, quindi versare il pomodoro con un pizzico di peperoncino portando il tutto a cottura. Aggiungere le lenticchie e un bicchiere d'acqua e far insaporire a fuoco lento, allungando con altra acqua se necessario. Aggiustare il sale e servire. Tempo di cottura: 55 minuti